Skip to content

Il cane a sei zampe ha perso Snam

13 giugno 2012

Il countdown per lo smembramento della più importante impresa italiana è iniziato. Diciotto mesi e niente più, come scritto nel Cresci Italia, per vedere ancora unite l’Eni di Paolo Scaroni e la Snam Rete Gas di Bini Smaghi.

Cinquecento giorni suonati in cui il “cane a sei zampe” dovrà ridurre la propria partecipazione nella rete oil & gas italiana e cedere alla Cassa Depositi e Prestiti il 25,1% della società, con la giustificazione di un passo obbligato per l’apertura del metano italiano alla concorrenza internazionale.

Snam Rete Gas, dunque, che al suo interno conta società di pregio come Stogit e Italgas, non andrà sotto le forche del mercato smithiano, e dei suoi regolatori, ma tornerà a piedi pari alle rimesse del Leviatano hobbsiano – il Ministero del Tesoro (proprietario al 70% di CdP) – mai libero da pressioni politiche e roccaforte di influenze internazionali. Leggi tutto…

Bersani e il “casino in una banca”

7 giugno 2012

Ci aveva pensato Piero Fassino, allora segretario dei Ds, che in una telefonata a Consorte sull’affaire Antonveneta diceva: “abbiamo una banca”. Suscitò la preoccupata allerta della Banca Centrale, lo scalpore nell’Ulivo e un rincalzante battage sulla potente stampa berlusconiana. Ne rincarerebbe oggi la dose il segretario Bersani, a capo del Pd, in una versione aggiornata di “ueh ragazzi, abbiamo un casino in una banca”.

Leggi tutto…

Scacco alle Ferrovie dello Stato

15 maggio 2012

Il battesimo di Italo, il super treno della Ntv di Montezemolo e Della Valle, è stato fatto. Posti riservati in carrozza 7, posti 11 e 12,  sul diretto Roma-Milano. Colazione servita, qualche clic e si parte. Poltrone in pelle, wi-fi e relax. Il tutto a trecento kilometri orari sulla via del ferro, quella che da anni unisce i lembi del Paese.

Per il momento Italo è questo: Roma-Milano da 30 euro, per Napoli e Firenze 20 euro. Tre fasce di acquisto: low cost, economy e base, con il prezzo che sale fino ai 118 euro.

Man mano che i treni saranno pronti (a costruire è Alstom) Italo collegherà anche Bologna-Padova-Venezia e Torino-Milano-Bologna per un totale di 50 collegamenti giornalieri e 12 milioni di chilometri all’anno. Risorse investite? Un miliardo di euro e 900 posti di lavoro, a cui si aggiunge un canone annuo di 100 milioni da dare a Rfi per l’utilizzo della rete. Leggi tutto…

MILLE SPLENDIDI SOLI di Kaled Hosseini – invito alla lettura

10 maggio 2012

Intervento a cura di Matteo

Immerso nella biografia di un paese che non trova pace, nel secondo romanzo di Kaled Hosseini, a prevalere e soprattutto l’istinto: di sopravvivenza fisica e morale di due donne; la speranza futura e l’importanza della memoria, sulla quale chiosa l’ultima pagina.

Al lettore non si presentano classificazioni rigide, irreversibili; non e il bianco contro il nero di una banalizzazione mocciana: i poli non sono attratti per luoghi comuni. Le cose accadono, ma potreb-bero anche essere diverse. Leggi tutto…

Volano gli Aeroporti di Roma

20 aprile 2012

Volano alto gli aeroporti romani. Nonostante il calo dell’1,3% dei passeggeri trasportati rispetto al gennaio/febbraio 2011 – e nonostante la tendenza si sia mantenuta anche nel mese di marzo – gli aeroporti capitolini godono ancora di ottima salute. Proprio in questi giorni AdR, la società di gestione del Leonardo da Vinci e di Ciampino, controllata da Gemina – la cassaforte dei poteri di Unicredit, Premafin, Benetton, Clessidra e Mediobanca – ha firmato un accordo con un pool di banche per il rifinanziamento del debito in scadenza il prossimo anno. Lo ha annunciato Gemina, con un comunicato: “Il finanziamento, per 500 milioni di euro, sarà composto da una linea Term Loan da 400 milioni e da una linea Revolving di 100 milioni di euro. La scadenza del nuovo credito è prevista per febbraio 2015″. Proprio a Roma, dunque, e in soccorso della AdR di Fabrizio Palenzona, si è coagulato il consenso internazionale del mondo bancario e tra le mura del Colosseo si sono riuniti i grandi nomi della finanza continentale: Barclays, BNL-Paribas, Credit Agricole, i nostrani di Mediobanca e Unicredit, Natixis, Bank of Scotland e Societè Generale.

Leggi tutto…

A tutta velocità sul web

20 aprile 2012

Il progresso sociale e la modernità del ventunesimo secolo passano attraverso la Rete (o cyber spazio). E la Rete, o il cyber spazio, passano attraverso internet, i sistemi di fibra ottica e le nuove tecnologie a banda larga. Quindi, se la proprietà transitiva non è un’opinione, il progresso e la modernità dei popoli d’oggi passano per lo più attraverso le fibre ottiche e l’uso delle tecnologie avanzate. Fin qui, niente di nuovo. Lo hanno capito in tanti, e da diversi anni. Ma a rincarare le dosi – con l’intento di sviluppare le NGN –New Generations Netwoks – ci ha pensato F2i, il fondo infrastrutturale italiano nato nel 2007 dalle costole di Cassa Depositi e Prestiti e oggi attivo nel campo delle infrastrutture e delle reti TLC.

Leggi tutto…

Torino è in vendita

27 marzo 2012

La Torino di Piero Fassino è tutta un’altra storia. Chiusi per sempre i fasti della Fiat, svanita la sbornia delle Olimpiadi  invernali e schiusa la bomboniera dell’ultimo Chiamparino, la Torino del ‘grissino’ è pronta per essere rivoltata come un calzino. Luci e ombre ai piedi della Mole, con un unico grande scopo: dimagrire le voci di spesa, snellire i centri di potere – specie quelli che il Sindaco non gradisce – e pareggiare i conti con le banche e lo Stato centrale. Leggi tutto…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: